Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Orson Welles’

La vita di un uomo non si può spiegare con una sola parola” (“Citizen Kane”), ovvero di come sarebbe stato utile applicarmi nell’algebra booleana o perdermi nei meandri del “Tractatus logico-philosophicus” del buon caro vecchio Wittgenstein per comprendere meglio alcune questioni mistiche.

Credevo che personaggi del genere esistessero solo nei racconti di Benni o Pennac.
E invece anch’io ho incontrato la mia personale Saltatempo, sebbene non abbia nulla a che vedere con orobilogi o alfapuzzole. Anch’io ho il mio personale capro espiatorio, per quanto non ci sia da imputarle nulla, ad esser sincera.

Lei è, semplicemente, la Mistica. Così me l’hanno presentata, perché così la conoscono gli abituée della biblioteca in cui vado a studiare nell’ultimo periodo. Nessuno ha detto loro che quello sarebbe stato lo pseudonimo giusto da usare, ma chiunque abbia avuto modo d’incrociarla sa che non potrebbe esser definita in altro modo.
Il suo candore emana un’aura spirituale, decisamente non religiosa.
La Mistica è interamente vestita di bianco: Superga bianche, calze bianche, pantaloni bianchi e maglia bianca. Anche i capelli son lunghi e canuti. Il suo sguardo è bianco, e con ogni probabilità potrei definire “bianco” anche il suo modo di parlare. Se solo lo facesse.
Nessuno l’ha mai sentita proferire verbo, eppure pochi audaci son pronti a giurare che sia tedesca (d’altronde, in zona ne giran parecchi, di tedeschi, per via del Goethe Institut suppongo). Chissà quanta leggenda c’è in queste testimonianze.

Tutti i giorni, ieri come oggi, alla stessa ora, puntuale, la Mistica entra nella biblioteca, con un passo bianco e silenzioso, si sceglie il suo posto – sempre il solito, perché non c’è anima viva che s’azzardi ad occuparlo prima di lei – e organizza il tavolo per la sua attività: una serie di buste della Sma accuratamente piegate e poste in fila, un raccoglitore ed un quaderno, una penna alla sua destra, ed una serie di riviste – inglesi, tedesche, francesi e spagnole – alla sua sinistra. Infine, tira fuori dalla sua candida borsa un paio di forbici. Tira un profondo respiro, dicono, e comincia l’operazione.
Eterea e al limite dell’inconsistenza, sfoglia, pagina per pagina, quei settimanali scandalistici, seleziona con cura maniacale le notizie che le premono, e comincia a sferruzzare con le forbici come fossero cesoie accanite di fronte ad una siepe da anni nell’incuria.
Solo alcuni articoli le interessano, almeno a sentire quanto raccontano su di lei: tutto ciò che riguarda le famiglie reali sparse sul globo terrestre, fotografie o piccole didascalia, articoli da prima pagina o spot pubblicitari con un principe sovrappeso come testimonial, è dunque degno d’entrare a far parte del suo raccoglitore.
*

È maniacale. A tratti inquietante. Tutti i giorni, l’eterno ritorno nietzschiano. Credevo di viver in una sorta di “sliding doors”. Stesso posto, stessi abiti, stesso rituale. Identica percezione visiva acromatica intrappolata in ogni suo gesto. La Mistica, dicono, è l’insieme di tutti i colori o nessuno di questi.

Ma d’altronde, per quanto se ne parli, sebbene sia l’argomento più quotato all’interno della biblioteca, nessuno sa chi sia davvero questa donna – forse è solo un’identità racchiusa in una domanda sospesa nell’aria per fare amicizia (“L’hai vista? È sempre lei! Sempre alla stessa ora!”).
E potrei aprire dissertazioni che, per quanto necessariamente finite, potrebbero esser a tal punto indefinite ed insoddisfacenti da non permettermi la soddisfazione del concetto e quindi la sua non finitezza contenutistica.

So solo che ci son casi in cui è impossibile stabilire un valore di verità.
* Non ho potuto fare a meno di pensare che l’onnipresenza di Emanuele Filiberto in ogni programma Rai almeno a qualcuno potrebbe tornare utile, ecchecazzo!

Annunci

Read Full Post »

A Roma la felicità dura il tempo di una nevicata. 

Premessa n° 1: La mia condizione forzata di studentessa determina, in questi giorni di pre-esame, una delineazione di campo e fuoricampo che, cinematograficamente parlando, invertono il valore d’interesse ad essi attribuito. Ovvero, mi risulta assai difficile ricostruire attraverso le poche informazioni che ho a disposizione, cosa ci sia davvero al di là dello schermo sul quale si proietta la mia quotidianità. Fate conto che, per voi come per me, il “campo” sia casa mia, il “fuoricampo” l’universo mondo. Della serie: cazzo campo a fa?!
Si evince, quindi, perché io scriva unicamente di fatti poco interessanti inerenti il mondo della televisione, o, nella migliore delle ipotesi, di agenti esogeni scatenatisi nei dintorni.

 Premessa n° 2: Ne parlan tutti, ne devo parlare anch’io. Sì, l’omologazione del pensiero! Sì, la prostituzione intellettuale!

Stavo studiando (ma va?!). Piegata, ritorta, gobba come una cazzo di Leopardi. Fronte increspata e occhi fissi su un fermo immagine di “Citizen Kane” (o, nella versione italiana, “Il cittadino Cane”), cercavo di comprendere la genialità insita nella nevicata che copre una delle prime inquadrature del prologo, che percepiamo come reale prima di comprendere che si tratti di una boule de neige che il suddetto Cane tiene in mano. Poi, la palla-di-neve cade, si frantuma, la nostra visione delle inquadrature seguenti appare distorta in funzione del riflesso di uno di questi frammenti di vetro.
E io, quindi, faccio una pausa per assimilare la nozione.
Alzo lo sguardo, lo getto oltre la finestra e vedo quella che la Mutter, dall’alto della tragicità ch’è nel suo stile, avrebbe in seguito definito “una tempesta di neve”.
No, una tempesta no – con buona pace della Mutter. Ma raramente Roma ha visto così tanta neve tutta insieme. Mi affaccio. Vedo il cortile di casa mia imbiancato come mai, gli alberi, le piante disabituati stavano piegati sotto il peso di poco più di un pugno di neve. Ragazzini isterici sperimentavano la delusione di scoprire che non si tratta altro che d’acqua solidificata, e ch’è tutt’altro che morbida (soprattutto se te la tirano con violenza dentro un occhio). Donne e uomini, con espressione ebete, ridevano beandosi e gridando già al miracolo, e (giuro!) abbracciandosi. E parlo di gente, benedettiddio, che se solo potesse durante una giornata qualsiasi non dico in petto, ma alle gambe si sparerebbe vicendevolmente.
Mi son chiesta, da eretica sbattezata, se non si trattasse di un maldestro gesto di Gesù Cristo che, sorpreso dal Padre a smerciar “robbba”, avesse tirato all’aria tutto quanto per non esser messo in punizione, riversando la bianca sostanza sulla Terra. Solo in questo modo si riuscirebbe a spiegare perché tutta questa gente ridesse, con la testa tirata indietro, a bocca aperta a raccoglier quella che apparentemente si sarebbe potuta classificare come neve, e conseguentemente si comportasse da cerebrolesa.
A questa riflessione, un mio amico ha ribattuto: “Be’, allora adesso Gesù Cristo minimo non partecipa a Sanremo”. Come dargli torto. 

In ogni modo, è tutto il giorno che mi domando se la neve mi sta sul cazzo o meno. Il suddetto amico dice che è normale, è sempre così la prima volta che se ne ha esperienza, e che poi, alla terza, quarta volta, cominci ad odiarla visceralmente. Per adesso, ho messo sui piatti di una bilancia i pro e i contro, e pesano sensibilmente più i primi.
È qualcosa che magneticamente attira l’attenzione, distrae qualsiasi cosa si stia facendo, blocca un flusso vitale medio (con le riserve del caso, ché se fossi stata in un letto, anche solo con un surrogato di uomo, forse non m’avrebbe bloccata così tanto!).

È silenziosa. Per quanto violenta possa essere, cade con rispettoso mutismo.

E poi, nonostante tutto, è subdola: non sembra, ma in confronto alla pioggia, fa un casino in più di danni.

Mi piace questo suo modo di essere pacatamente distruttiva. Cazzo, se mi piace!

Read Full Post »